Le stelle non provano a brillare, semplicemente ci riescono: Zero Chill

La serie britannica Zero Chill porta sullo schermo un mondo snobbato dalle serie televisive a stelle e strisce, quello dell’hockey giovanile. Certo è, che immaginare qualcuno che si trasferisce dal Canada alla Gran Bretagna per frequentare un’accademia di hockey su ghiaccio sembra un po’ azzardato…però è quello che succede nel nuovo prodotto targato Netflix. C’è da dire che, ovviamente, non è stata scelta una location a caso, bensì Sheffield, uno dei principali centri di pattinaggio sul ghiaccio (vedi il mondiale di Stoccolma 2021 appena conclusosi). Così, l’IceSheffield Arena, diventa, per l’occasione, casa degli Hammers.

Kayla e Mac sono due gemelli, assi del ghiaccio; lei nel pattinaggio di figura e lui nell’hockey; anche se la famiglia sembra avere a cuore solo i sogni di Mac.

L’unica domanda che sorge spontanea, nonostante Zero Chill sia un ottimo prodotto, è: perché non dare a un’ottima serie con ancora tanto da raccontare come Spinning Out una seconda stagione, sviluppando i fili narrativi lasciati ai margini per puntare su un nuovo prodotto dallo stampo simile?

Per quanto riguarda Zero Chill, si tratta di una serie ad ampio spettro in cui vengono toccati e affrontati molti temi importanti; sia attraverso i protagonisti, sia attraverso i loro amici e compagni di squadra; ogni teen, indipendentemente dalla classe sociale di appartenenza, dall’etnia, dalla situazione familiare, dalle difficoltà quotidiane che deve affrontare,…potrà riconoscersi in uno dei protagonisti.

Gli attori di Zero Chill, Dakota Taylor (Mac) e Grace Beedie (Kayla), con le loro doti da pattinatori anche nella vita fuori dallo schermo, danno un tocco in più alla credibilità dei loro personaggi (così come per Spinning Out, il passato da giocatore di hockey del suo protagonista Evan Roderick); ma nel complesso, nonostante sia un prodotto piacevole adatto a tutta la famiglia, Zero Chill non riesce a raggiungere la stessa valenza emotiva e narrativa di Spinning Out.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s